Studio Legale in Campobasso Avvocato Silvio Tolesino consulenza anche on line

Studio Legale in Campobasso. Avvocato Silvio Tolesino. Consulenza legale civile, penale e amministrativa, anche on line. CHIAMA saremo lieti di semplificare la tua vita!

D. L. n.° 132 del 2014: SEPARAZIONI E DIVORZI PIÙ SEMPLICI? OGGI È POSSIBILE…

SEPARAZIONI E DIVORZI PIÙ VELOCI

SEPARAZIONI E DIVORZI PIÙ VELOCI

Il decreto legge n.132 del 2014 intitolato “Misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell’arretrato in materia di processo civile”, ha la finalità di assicurare maggiore efficienza e funzionalità alla giustizia civile. In particolare ha introdotto due nuovi strumenti con la finalità di semplificare e gestire in tempi più brevi l’iter di separazione e divorzio con l’obbiettivo deflattivo di “alleggerire” i Tribunali dai procedimenti sulle “crisi di famiglia”, indirizzandoli ad una definizione privata, nel caso degli accordi redatti dagli avvocati, o ad una definizione amministrativa, nel caso degli accordi redatti di fronte agli ufficiali di stato civile. Il primo strumento offerto dal decreto legge è la cd. “negoziazione assistita da un avvocato”, istituto che prevede che i coniugi che intendano separarsi, divorziare o modificare le condizioni di separazione o divorzio già fissate dal giudice, possano in determinati casi rivolgersi ad un avvocato per raggiungere una soluzione consensuale. La convenzione di negoziazione assistita , ovvero l’accordo “mediante il quale le parti convengono di cooperare in buona fede e con lealtà per risolvere in via amichevole la controversia”, deve indicare il termine massimo entro cui l’accordo dovrà essere firmato (in ogni caso non inferiore a un mese), l’oggetto della lite e dovrà essere redatto a pena di nullità in forma scritta, concludendosi con l’assistenza di un legale.

Gli avvocati certificheranno poi l’autografia delle sottoscrizioni apposte alla convenzione sotto la propria responsabilità professionale e trasmetteranno, entro dieci giorni, copia dell’accordo  all’ufficiale dello stato civile del Comune in cui il matrimonio fu iscritto o  trascritto. In caso di violazione all’obbligo di trasmissione, per il legale è prevista una sanzione amministrativa. La seconda novità introdotta è la comparizione innanzi all’ufficiale dello stato civile (e non davanti al tribunale) quando non vi siano figli minori, o portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti. Un’ulteriore condizione richiesta per la comparizione innanzi all’ufficiale dello stato civile è costituita dal fatto che l’accordo tra i coniugi non può contenere atti con cui si dispone il trasferimento di diritti patrimoniali. In presenza dei predetti presupposti, per la separazione o il divorzio o la modifica delle relative condizioni i coniugi potranno scegliere il Comune che preferiscono ,purché sia il medesimo per entrambi e gli effetti dell’accordo che avranno luogo dalla data dell’atto contenente l’accordo tra i coniugi e non più dalla comparizione innanzi al tribunale.

Dr.ssa Clara Parente – Praticante Avvocato

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: