Studio Legale in Campobasso Avvocato Silvio Tolesino consulenza anche on line

Studio Legale in Campobasso. Avvocato Silvio Tolesino. Consulenza legale civile, penale e amministrativa, anche on line. CHIAMA saremo lieti di semplificare la tua vita!

Perquisizione e ispezione personali arbitrarie – caratteristiche del reato

Perquisizioni e Ispezioni Arbitrarie – Disciplina Codicistica

Anche l’autorità giudiziaria, naturalmente, è soggetta alla legge e paga in caso di abuso.

Per ciò che concerne, ad esempio, la perquisizione e l’ispezione, recita l’art. 609 c. p.: “Il pubblico ufficiale che, abusando dei poteri inerenti alle sue funzioni, esegue una perquisizione o un’ispezione personale, è punito con la reclusione fino ad un anno”.

Il reato in questione è posto a tutela della libertà morale del soggetto passivo e dell’interesse pubblicistico alla legalità dell’azione dei pubblici poteri; quindi è plurioffensivo. Trattasi naturalmente di un reato proprio, poiché può essere commesso soltanto dal pubblico ufficiale (anche se non competente a effettuare perquisizioni e ispezioni personali).

La condotta, in concreto, consiste nell’eseguire una perquisizione o una ispezione personale, abusando dei poteri inerenti alle funzioni di pubblico ufficiale, poiché i casi e le forme delle ispezioni e perquisizioni personali sono pedissequamente disciplinate nel codice di procedura penale (artt. 244 e ss…). Il reato è punito a titolo di dolo generico ed è quindi necessaria la coscienza e volontà di eseguire la perquisizione o l’ispezione, ma anche la consapevolezza dell’abuso di poteri.

Sebbene sia sancito dal codice, questo reato è difficilmente configurabile in concreto, poiché occorrerebbe la chiara intenzione, da parte dell’autorità, di agire contra legem. Secondo la Suprema Corte di Cassazione, difatti, la perquisizione disposta dal Pubblico Ministero può ritenersi “arbitraria” solo nelle ipotesi di una totale assenza dei requisiti necessari al compimento dell’atto o con modalità che fuoriescano totalmente da quelle ordinarie di esplicazione del pubblico potere, tali da connotare la condotta del deliberato proposito di eccedere le proprie attribuzioni per finalità diverse da quelle attribuitegli in ragione dei suoi pubblici poteri (C., Sez V, SENT N 8031/2017).

Avv. Silvio Tolesino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: