Studio Legale in Campobasso Avvocato Silvio Tolesino consulenza anche on line

Studio Legale in Campobasso. Avvocato Silvio Tolesino. Consulenza legale civile, penale e amministrativa, anche on line. CHIAMA saremo lieti di semplificare la tua vita!

PRESCRIZIONE DEL REATO: CARATTERISTICHE E DISCIPLINA

La prescrizione è una causa di estinzione del reato connessa al trascorrere del tempo. Le ragioni che giustificano l’estinzione sono due:

  • la tutela dell’autore del delitto. L’effetto che il trascorrere de tempo esercita sulla persona umana, infatti, ne provoca un cambiamento tale da dissolvere l’esigenza di punizione;
  • il trascorrere del tempo manifesta il venir meno dell’interesse dello Stato alla persecuzione di un reato in quanto ne attenua l’allarme sociale giustificando la conseguente rinuncia alla sua pretesa punitiva.

L’art. 157 del codice penale definisce il termine prescrizionale, identificato nel tempo corrispondente al massimo della pena edittale. La stessa disposizione, poi, prevede una doppia soglia di punibilità e, in particolare:

  • per i reati la cui pena nel massimo è inferiore a sei anni, opera una regola sussidiaria che prevede un termine di prescrizione pari a sei anni;
  • le contravvenzioni si prescrivono decorso un termine di quattro anni dal verificarsi nel mondo esterno del fatto costituente reato.

Ai fini del computo dei termini prescrizionali, inoltre, non assumono rilevanza le circostanze attenuanti od aggravanti, fatta eccezione per quelle ad effetto speciale o che prevedono l’applicazione di una pena di specie diversa da quella ordinaria.

L’imputato ha la possibilità di rinunciare alla prescrizione se ha interesse ad ottenere una sentenza di assoluzione piena. Trattandosi di un diritto personalissimo dell’imputato, questo può essere esercitato esclusivamente dall’interessato – personalmente – ovvero mediante un procuratore speciale all’uopo nominato.

La recente riforma in tema di prescrizione, introdotta dalla Legge Spazza-corrotti – in vigore dal 2020 – ha modificato la disciplina relativa al dies ad quem del decorso del termine di prescrizione del reato. Questo, dunque, è il tenore del nuovo art. 159, comma 2: «il corso della prescrizione rimane altresì sospeso dalla pronunzia della sentenza di primo grado o del decreto di condanna fino alla data di esecutività della sentenza che definisce il giudizio o dell’irrevocabilità del decreto di condanna».

Viene previsto, quindi, che il decorso del termine prescrizionale rimanga sospeso dopo la sentenza di primo grado tanto di condanna, quanto di assoluzione fino alla data di esecutività della stessa, per poi riprendere il suo corso, con computo dei periodi di sospensione, se la sentenza di appello dovesse prosciogliere l’imputato.

La prescrizione del reato garantisce molteplici diritti dell’imputato. In primis, evita che un soggetto sia sottoposto a una giustizia penale illimitata così da considerarlo alla stregua di un presunto colpevole. Garantisce, inoltre, il diritto di difesa nel processo nonché la sua ragionevole durata. Un processo che non si prescrive, infatti, è un processo potenzialmente infinito o comunque molto lungo, e a distanza di troppo tempo dal fatto è difficile pensare di poter raccogliere un corredo probatorio tale da consentire una difesa adeguata. Il diritto a che il processo abbia una durata ragionevole, poi, è il requisito essenziale affinché il esso possa dirsi giusto e affinché altrettanto giusta possa considerarsi la decisione che ne deriva.

Dott.ssa Laura Giancola

Collaboratrice Studio Avv. Silvio Tolesino

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: